Vai ai contenuti|Spostati sulla navigazione

IL SISTEMA BIBLIOTECARIO PRENESTINO ADERISCE ALLA RETE DELLE RETI. STRATEGIA, COOPERAZIONE E INNOVAZIONE PER IL RILANCIO DELLE BIBLIOTECHE.

Un progetto ambizioso quello del Sistema Bibliotecario Prenestino, che attraverso la sottoscrizione del protocollo d'intesa e l'approvazione del manifesto della Rete delle Reti, intende perseguire, per avviare un processo di sviluppo e innovazione delle biblioteche.

La Rete delle Reti, si propone infatti di realizzare un piano di cooperazione esteso a livello nazionale per sostenere e mettere in comune idee, processi, funzioni e strumenti in una dimensione di lavoro in grado di accogliere e invitare al confronto reciproco biblioteche e reti di biblioteche.
Una nuova dimensione integrata che sarà volano di benefici ed economie di scopo.

In Italia oggi ci sono circa 6000 biblioteche pubbliche e oltre 180 reti bibliotecarie, negli ultimi anni però queste strutture hanno subito le evoluzioni del contesto sociale, senza avere i mezzi per potersi aggiornare o crescere.

Tagli alla spesa pubblica per la cultura, carenza di personale specializzato, rapporti spesso complessi con le amministrazioni di riferimento, sono tra le maggiori criticità che investono biblioteche grandi e piccole. Per questo motivo la Rete delle Reti vuole adottare una visione più ampia di cooperazione proponendo biblioteche sempre più all'avanguardia e all'altezza dei bisogni culturali.

"Un percorso di sviluppo concreto anche per le biblioteche del nostro territorio - dichiara il Commissario Danilo Sordi - in grado di trovare immediata traduzione con soluzioni efficaci, esperienze replicabili, innescando processi di cambiamento stabili. Anche le biblioteche del nostro sistema, che molto già hanno fatto per essere al passo coi tempi, saranno in grado di dialogare con la quotidianità degli utenti attraverso questa iniziativa particolarmente interessante".

"In ogni biblioteca il meglio delle biblioteche italiane. È da questo motto che si muove il progetto della rete delle reti - spiega la direttrice del Sistema Bibliotecario Prenestino - Luciana Fedeli - un progetto che ben si addice alle nostre esigenze e su cui lavoriamo da tempo, l'obiettivo è quello di far fronte alle inevitabili trasformazioni del ruolo stesso della biblioteca".